Archivi
Sfoglia tutte le informazioni del sito
Intranet
Per tutte le comunicazioni aziendali
Webmail
Consulta la posta on-line
Cognitive Adaptation Training in Sardinian Mental Health Services

Cognitive Adaptation Training in Sardinian Mental Health Services

Al via il progetto di ricerca promosso dalla Cooperativa CTR, in collaborazione con l’Università di Cagliari e con l’Università del Texas

Martedi 25 Febbraio 2020
Condividi con:
Condividi su Delicious Condividi su Twitter Condividi su Diggita Condividi su Technorati Condividi su My Space Condividi su Digg Condividi su Google Bookmarks Invia a un amico Stampa Ti piace
25
Non ti piace
28

È un dato ormai assodato che la maggior parte dei pazienti con disturbi psichiatrici in carico ai nostri servizi presenta dei deficit cognitivi importanti che colpiscono in particolar modo la memoria di lavoro, l’attenzione e le cosiddette funzioni esecutive (capacità di pianificazione, risoluzione dei problemi, prendere una decisione, svolgere correttamente delle azioni in sequenza, ecc.).
Questi deficit hanno un impatto negativo enorme sul funzionamento della persona nella vita quotidiana e sulla qualità della vita percepita dal soggetto.

Negli ultimi anni, l’Università del Texas ha sviluppato e testato un intervento riabilitativo strutturato (guidato da un manuale pratico per gli operatori), per aiutare i pazienti affetti da disturbi dello spettro schizofrenico (e non solo) a bypassare questi deficit e migliorare il loro funzionamento nella vita quotidiana indipendente. L’intervento consiste nell’utilizzo sistematico e personalizzato di alcune strategie compensatorie e supporti ambientali (supporti mnemonici visivi e acustici, dispenser per i farmaci, organizer, contenitori, separatori, liste, istruzioni e indicazioni, cartelli, ecc.) nella routine quotidiana e nell’ambiente di vita del paziente, allo scopo di facilitargli la corretta esecuzione di numerose attività essenziali: igiene personale, cura degli indumenti, assunzione della terapia (dosaggio e orario corretti), ricordarsi gli appuntamenti, pianificazione della giornata, gestire l’alimentazione e fare la spesa, gestire il denaro, e numerose altre incombenze quotidiane.

L’intervento, ideale per utenti seguiti a domicilio, o che devono essere dimessi da una struttura residenziale per passare ad una condizione di autonomia abitativa, è potenzialmente efficace nel migliorarne il livello di funzionamento sociale indipendente e la qualità della vita, nonché nel rendere più efficiente l’intervento di supporto dei professionisti e dei caregiver.

Nel mese di giugno 2019, la Cooperativa Sociale CTR ha ospitato, in qualità di formatore esperto, un docente e formatore del dipartimento di Psichiatria dell’Università del Texas (Natalie Maples, PhD, che ha contribuito a sviluppare e testare sul campo il programma riabilitativo in oggetto) per formare un gruppo di 25 operatori, abilitati ad implementare l’intervento sul campo con i pazienti afferenti ai vari servizi, sotto la supervisione e il coordinamento di un formatore esperto dell’Area Riabilitazione Psichiatrica della Cooperativa CTR, a sua volta coadiuvato a distanza dalla consulente dell’Università del Texas attraverso supervisioni mensili in videoconferenza.

La Cooperativa Sociale CTR ha coinvolto, inoltre, un gruppo di ricerca dell’Università di Cagliari per promuovere la conduzione di uno studio controllato randomizzato multicentrico di tipo “crossover”, finalizzato a valutare l’efficacia dell’implementazione del programma CAT in diversi servizi riabilitativi del Centro e Sud Sardegna. La sperimentazione (protocollo già approvato dal Comitato Etico ATS Sardegna) è in fase di avvio e avrà una durata complessiva di circa 1 anno.

 

Responsabile Area Riabilitazione Psichiatrica – Cooperativa CTR: Elisabetta Pili

Promotore e coordinatore del progetto – Cooperativa CTR: Giovanni Soro

Responsabile scientifico dello studio – Università di Cagliari: Mauro Giovanni Carta

Co-coordinatore dello studio – Università di Cagliari: Alessandra Perra

CAT Trainer & Supervisor – University of Texas Health at San Antonio: Natalie Maples