Archivi
Sfoglia tutte le informazioni del sito
Intranet
Per tutte le comunicazioni aziendali
Webmail
Consulta la posta on-line

17 maggio: la CGIL e la giornata internazionale contro l'omofobia

Condividi con:
Condividi su Delicious Condividi su Twitter Condividi su Diggita Condividi su Technorati Condividi su My Space Condividi su Digg Condividi su Google Bookmarks Invia a un amico Stampa Ti piace
243
Non ti piace
234

Venerdì, dalle 17 e 45, nella sala conferenze  della Camera del Lavoro Cgil di Cagliari in Viale Monastir 17, ci sarà il dibattito “Homocausto – I triangoli rosa. La persecuzione degli omosessuali nella Germania nazista” e, a seguire, la proiezione del film del regista cagliaritano Giovanni Coda "Il rosa nudo", uscito nelle sale di recente e dedicato alla memoria di Pierre Seel, il primo omosessuale a testimoniare ciò che era avvenuto in quegli anni bui.

L’iniziativa è organizzata dall’Ufficio Nuovi Diritti della Cgil Cagliari per celebrare la Giornata internazionale contro l’omofobia e si inserisce nelle manifestazioni organizzate per la Queeresima 2013 che culminerà nel  Pride al quale, come l’anno scorso, la Cgil ha aderito.

 

All’iniziativa partecipano: il segretario generale della Camera del Lavoro di Cagliari Nicola Marongiu, il responsabile Nuovi Diritti Sandro Gallittu che coordinerà il dibattito con gli interventi di Giulia Medas, dottoranda del Dipartimento di Storia dell'Università di Cagliari, Tullio Garau, psicologo e psicoterapeuta, Antioco Floris, storico del cinema e il regista Giovanni Coda.

E’ il quarto anno consecutivo che vede la partecipazione della Cgil alla Giornata contro l’omofobia: “Quest’anno abbiamo deciso di celebrarla ricordando la persecuzione agli omosessuali da parte dei nazisti perché la memoria del passato deve essere un monito per tutti”, ha spiegato Sandro Gallittu aggiungendo che “la legge contro la violenza omofobica è stata vergognosamente affossata nella passata legislatura e che la sua riproposizione e approvazione deve essere l’indispensabile punto di partenza per il riconoscimento dei pieni diritti di cittadinanza, a prescindere dall’identità di genere e dall’orientamento sessuale”.

L’iniziativa del 17 sarà l’occasione per parlare del filo che unisce vecchie e nuove omofobie nella pervicace negazione di diritti.