Archivi
Sfoglia tutte le informazioni del sito
Intranet
Per tutte le comunicazioni aziendali
Webmail
Consulta la posta on-line
governance

Il dibattito sulla governance dell’impresa cooperativa e delle cooperative sociali è aperto sia nell’ambito del movimento cooperativo sia nelle sedi della ricerca economica e giuridica. La stessa CTR, come altre aziende del settore cooperativo, è coinvolta in una  fase di trasformazione e di graduale rafforzamento tanto dei suoi caratteri mutualistici che della sua fisionomia d’impresa sociale di servizi alla persona.

Oggi possiamo affermare che la governance del gruppo CTR è strutturata in una base sociale ampia e crescentemente motivata, in un management complesso, in un rapporto qualificato con la committenza pubblica e in un'attenzione permanente alla gestione delle relazioni industriali. 

Non è affatto estraneo a questo disegno anche il tentativo di dare nuovo valore alla relazione con l’utenza dei servizi, sia nell’ambito delle singole prestazioni erogate sia,  in generale, promovendo una cultura dell’ascolto dell’utenza.

Così come la valorizzazione del rapporto con i fornitori pone nuove esigenze ed apre opportunità che intendiamo cogliere.

Un tema rilevante, anche ai fini dell’identità del gruppo CTR e della sua concreta presenza nel mercato dei servizi, è quello dei rapporti con le altre imprese del settore, che desideriamo abbia un carattere sempre più collaborativo e sempre meno competitivo. 

Per questo apprezziamo la collaborazione già stabilita con diverse imprese che, a vario titolo, cooperano con noi nella produzione dei servizi e sosteniamo fortemente l'azione del movimento cooperativo e, in particolare, di Legacoopsociali nella costruzione di regole condivise nel mercato dei servizi alla persona.
 

A fondamento di questa impostazione stà la scelta di tutelare e valorizzare il lavoro delle proprie operatrici ed operatori, nelle loro vesti di soci, dipendenti e collaboratori, sviluppando una strategia aziendale sulle risorse umane, dando compiuta applicazione alle norme contrattuali del lavoro previste dal CCNL e riconoscendo un ruolo strategico alla costruzione ed al mantenimento di qualificate relazioni industriali.

Per dirla con Amartya Sen, dobbiamo lavorare ad un sistema che lasci spazio alla cooperazione basata sulla fiducia senza compromettere l'efficienza dei mercati. È importante compiere dei passi avanti verso uno sviluppo economico che sia realmente sostenibile, tanto a livello sociale che ambientale. … senza dipendere da vecchi preconcetti che vedono la competizione come unica forza motrice delle attività umane.”