Archivi
Sfoglia tutte le informazioni del sito
Intranet
Per tutte le comunicazioni aziendali
Webmail
Consulta la posta on-line
diritti -> anziani

Le soluzioni legislative ed organizzative che oggi saranno date alla questione della condizione degli anziani saranno quelle che tra alcuni anni saranno applicate, nella migliore delle ipotesi, agli adulti produttivi di oggi, anziani di domani
Oltre che per la riconoscenza che si deve alle generazioni che ci hanno preceduto, almeno per questa semplice ragione di opportunità, sarebbe ragionevole assicurarsi che il trattamento degli anziani e, in particolare, delle persone non autosufficienti sia portato ai più alti livelli di qualità,  anche aprendo una difficile discussione pubblica sul tema del finanziamento dei servizi e, quindi, del reperimento delle risorse necessarie al soddisfacimento dei bisogni sociali.

Attraverso questa sezione intendiamo ospitare informazioni, documenti e contributi relativi al tema della condizione anziana, cercando di sostenere un punto di vista che riconosca il valore sociale ed anche la maggiore sostenibilità economica di un modello sociale orientato alla coesione ed alla solidarietà ma anche evidenziando i costi, gli sforzi, le scelte e la responsabilità che sono necessari per implementare un tale modello.

 

Quello che non abbiamo ancora capito dei robot

Quello che non abbiamo ancora capito dei robot

Non sono le macchine a essere disumane, ma alcuni tipi di lavori che le persone non dovrebbero fare. www.ingenere.it intervista Cecilia Laschi, che in Italia ha dato avvio alla soft robotica all'interno della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa.

 

Attività fisica e salute: anziani

I dati della sorveglianza Passi d’Argento indicano che in Italia, 7 su 10 persone di 65 anni o più di età non hanno problemi di deambulazione e hanno una buona autonomia.

 
OMS: livelli di attività fisica tra la popolazione adulta

OMS: livelli di attività fisica tra la popolazione adulta

Nel 2016, nel mondo, più di un quarto della popolazione adulta (1,4 miliardi di persone) non era sufficientemente attiva. Lo riferisce il primo studio – portato avanti da ricercatori dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) – volto a stimare i trend globali.

 
ULTIME NOTIZIE
EVENTI